Seleziona una pagina

LoRaWAN, addio sim M2M?

da | Set 17, 2017 | Approfondimenti | 0 commenti

Che cos’è LoRaWAN?

LoRaWAN il cui acronimo sottintende Long Range Wide Area Network è un nuovo protocollo di rete che soddisfa tutti i requisiti per connettere oggetti e sensori ad internet, così da supportare tutti i servizi e le applicazioni del mondo IoT.

Realizzare una Smart City significa interconnettere una rete di dispositivi tra di loro

Siamo nel pieno dell’era dell’Internet of Things, sempre più oggetti stanno andando in rete, si prevedono miliardi e miliardi di dispositivi connessi entro il 2020, e già oggi stiamo vedendo questa tendenza con i contatori del gas e dell’elettricità che sempre più spesso vengono connessi in rete.

LoRaWAN e tutte le tecnologie di tipo LPWANs (Low Power Wide Area) nascono con l’obiettivo di superare alcuni limiti delle tecnologie SIM o di altri protocolli classici di connessione (WiFi, Bluetooth):

  1. Scarsa durata della batteria;
  2. Comunicazione a corto raggio (<1km);
  3. Alto Costo Hardware.

Proprio per questi limiti imposti nasce LoRaWAN offrendo oltre a:

  1. Lunga durata della batteria;
  2. Comunicazione a lungo raggio (>10km);
  3. Ridotto Costo Hardware.

Tutta una serie di vantaggi aggiuntivi come:

  1. Sicurezza
  2. Copertura
  3. Efficienza Energetica
  4. Servizio di GeoLocalizzazione

Per far si che questo protocollo venga diffuso globalmente e che gli oggetti possano connettersi ovunque a questa nuova rete, nasce una Alleanza, la LoRaWAN Alliance, questa alleanza opera per far si che il protocollo rimanga OPEN e che gli oggetti che possono connettersi alla rete e che possono essere venduti internazionalmente passino per un processo di Certificazione.

L’alleanza ha avuto una crescita esponenziale, dal 2015 ad oggi conta già 428 membri (tasso di crescita 1300% in 2 anni).

Addio sim M2M?

Le SIM M2M nascono proprio per fare comunicazione dati tra oggetti e internet, l’avvento delle tecnologia LPWAN e in particolare della LoRaWAN potrebbe sancire la fine di questo mercato, infatti queste nuove tecnologie permettono di avere costi di connettività più bassi, maggiore durata delle batteria e costi hardware minori.

In futuro vedremo come risponderà il mercato delle TELCO, ma già diversi “nuovi operatori” si stanno muovendo per diventare nuove TELCO dell’Internet of THINGS, che ci sia spazio per creare un nuovo mercato?

Noi di Apio stiamo andando in quella direzione, nei prossimi articoli vi racconteremo in maniera più approfondita.

Share This